Pagani

di Elisa Flaminia Inno
Pagani di Elisa Flaminia Inno
  • documentario, Italia, 2016, colore, 52'
  • Un film di

    Elisa Flaminia Inno

  • Prodotto da
    Parallelo 41 produzioni, Antonella Di Nocera e Elisa Flaminia Inno
  • Montaggio
    Enrica Gatto
  • Fotografia
    Elisa Flaminia Inno, Mattia Colombo
  • Suono e mix
    Marco Saitta
  • Color correction
    Simona Infante
  • Collaborazione testi e ricerche
    Gerardo Sinatore, con Alfonso Del Forno, Biagio De Prisco, Ermanno Cutolo, Bruno Buoninconti, Maurizio Graziano e con la partecipazione di Vincenzo Romano
  • Operatori aggiunti
    Francesco Corbisiero, Rosario Cammarota, Sebastiano Mazzillo
  • Suono aggiuntivo in presa diretta
    Andreas Russo
  • Collaborazione al montaggio
    Alessandra Carchedi
  • Sottotitoli inglese
    Aidan McCann
  • Una distribuzione
    Istituto Luce-Cinecittà
Film riconosciuto di interesse culturale con contributo economico del Ministero per i beni e le attività culturali e del turismo Direzione Generale Cinema e realizzato anche grazie all'utilizzo del credito d'imposta previsto dalla legge 24 dicembre 2007, n. 244.
  • Sinossi

    Nel profondo sud dell'Italia sopravvivono antichi sincretismi religiosi legati alla Madre Terra. A Pagani, nei pressi di Pompei, sette giorni dopo Pasqua si celebra la Madonna delle Galline, una Vergine venerata con canti e danze ancestrali. Per trenta giorni il popolo dei devoti si muove all'unisono per perpetuare la Tradizione, un evento a cui tutti partecipano animati da una fede che diventa memoria e trascendenza. Fonzino è il prescelto per la costruzione del Tosello, un tempio segreto che rappresenta l'anno trascorso, rivelato al popolo il giorno della festa. Biagino è contadino, cantore e parte di un gruppo di devoti "femminielli", protagonisti degli eventi liturgici più ortodossi e portatori di usanze legate al mondo omosessuale, come il matrimonio della Zeza, la Morte di Carnevale e la Figliata dei Femminielli. L'attesa della Madonna scandisce i giorni che precedono la festa e i riti popolari accompagnano il passaggio delle stagioni. Fino al giorno della Madonna delle Galline, quando tutto si scioglie in un tripudio di musica e danza volto alla catarsi e alla nascita di una nuova primavera.
  • Note di regia

    Pagani nasce da un percorso di ricerca nelle tradizioni popolari dell’Italia del sud e dalla volontà di raccontare i sincretismi contemporanei di una religiosità arcaica che ancora oggi si manifesta. In Campania sopravvivono usi e costumi del mondo antico, intrecciati in una simbologia che lega la vita umana agli elementi naturali e si esprime attraverso forme contemporanee di devozione. Ciò che oggi viene percepito come spettacolare – le danze popolari, la trance, la comunità come ragione di vita – è simbolo di appartenenza culturale, di resistenza all'individualismo e di una identità collettiva che in Campania sopravvive protetta dal mistero della fede. La celebrazione della Madre come garanzia di nuova vita, il culto dei morti e l'interazione con le forze naturali e soprannaturali spaventano l'uomo contemporaneo, disabituato a relazionarsi spiritualmente e materialmente con la sua stessa natura. Le antiche identità dell'Italia mediterranea sono fagocitate dalla globalizzazione e rischiano di morire, insieme a un patrimonio culturale millenario. bisognava squarciare la realtà con l'occhio della macchina da presa, un occhio interno e partecipativo che apre un varco sulla storia di un Sud portatore di tesori immateriali nascosti.


Trailer


Sede Legale
Via Angelo Camillo De Meis n.221
80147 - Napoli
Sede Amministrativa
Corso Riccardi - Cercola
c/o Studio Antonio Perna
Seguici su
© copyright 2018 Parallelo 41 produzioni coop - All rights reserved - p.iva 07910360630